Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home

Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 – Nuovo codice della strada

Cliccare sul link ed inserire nella nuova finestra i suindicati dati per ottenere il testo aggiornato

Le Sezioni unite chiariscono la natura giuridica della competenza del Giudice di Pace ex artt. 6 e 7 del d.lgs. 1 settembre 2011 n. 150
Cass. civ., Sez. unite, 27/04/2018, n. 10261
Postato da : Redazione, maggio 1, 2018

In base all’art. 6 del d.lgs n. 150 del 2011, si può qualificare la competenza del Giudice di Pace devoluta in base ad un criterio che è prioritariamente per materia e solo in un momento logicamente successivo ed in alcune ipotesi, connotato dall’elemento del valore. In base all’art. 7 del d.lgs 150 del 2011 può


La Suprema Corte chiarisce le conseguenze della condotta di chi sostituisce il silenziatore del terminale di scarico
Cass. civ., Sez. II, 23/04/2018, n. 9988
Postato da : Redazione, aprile 24, 2018

La condotta di chi sostituisca il silenziatore del terminale di scarico deve farsi rientrare nell’art. 72 del codice della strada salvo che risulti accertato che tale dispositivo di equipaggiamento abbia determinato un aumento della velocità, della rumorosità o delle emissioni inquinanti del veicolo rispetto a quelle indicate nella carta di circolazione. In tal caso, la


Il verbale, per la sua natura di atto pubblico, ha un'attendibilità intrinseca che può essere infirmata solo da una specifica prova contraria
Cass. civ. Sez. VI, Ordinanza, 11/01/2018, n. 533
Postato da : Redazione, gennaio 14, 2018

Il verbale di accertamento dell’infrazione fa piena prova fino a querela di falso relativamente ai fatti attestati dal pubblico ufficiale come da lui compiuti o avvenuti in sua presenza e che abbia potuto conoscere senza alcun margine di apprezzamento o di percezione sensoriale, mentre, con riferimento alle altre circostanze di fatto – che il pubblico


In tema di ordinanza-ingiunzione per l'irrogazione di sanzioni la mancata audizione dell’interessato non comporta nullità del provvedimento
Cass. civ. Sez. VI, Ordinanza, 12/12/2017, n. 29823
Postato da : Redazione, dicembre 14, 2017

In tema di ordinanza-ingiunzione per l’irrogazione di sanzioni amministrative — emessa in esito al ricorso facoltativo al Prefetto, ai sensi dell’art. 204 del d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 — la mancata audizione dell’interessato che ne abbia fatto richiesta in sede amministrativa non comporta la nullità del provvedimento, in quanto, riguardando il giudizio di opposizione


Il proprietario del veicolo deve sempre conoscere l’identità dei soggetti ai quali affida la conduzione
Cass. civ. Sez. VI, Ordinanza, 11/12/2017, n. 29593
Postato da : Redazione, dicembre 12, 2017

In tema di violazioni alle norme del codice della strada, il proprietario di un veicolo, in quanto responsabile della circolazione dello stesso nei confronti della P.A. o dei terzi, è tenuto sempre a conoscere l’identità dei soggetti ai quali affida la conduzione e, di conseguenza, a comunicare tale identità all’autorità amministrativa che gliene faccia legittima


Cons. Stato Sez. V, 31/08/2017, n. 4141
Postato da : Redazione, novembre 25, 2017

L’accertamento sulla natura pubblica o privata di una strada o sull’uso pubblico della stessa può sempre avvenire incidentalmente nell’ambito di un giudizio amministrativo, se tale elemento costituisca il presupposto per l’adozione di provvedimenti amministrativi in contestazione.


 codice della strada

codice della strada

Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.