Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home

Decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private.

Cliccare sul link ed inserire nella nuova finestra i suindicati dati per ottenere il testo aggiornato

R.C.A.: l'azione per il risarcimento non può essere proposta dal danneggiato che abbia impedito all'assicuratore di compiere le attività volte alla formulazione di una congrua offerta
Cass. civ. Sez. III, 25/01/2018, n. 1829
Postato da : Redazione, gennaio 28, 2018

In tema di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione di veicoli a motore, a norma dell’art. 145 d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 l’azione per il risarcimento non può essere proposta dal danneggiato che, in violazione dei principi di correttezza (art. 1175 cod. civ.) e buona fede (art. 1375 cod. civ.), con la


Cons. Stato Sez. VI, 20/04/2017, n. 1861
Postato da : Redazione, novembre 25, 2017

L’ampiezza e l’esclusività dei poteri di regolazione e vigilanza del settore assicurativo, i connessi poteri regolamentari, i rapporti di collaborazione e scambio informativo con altre autorità indipendenti (Banca d’Italia, Commissione nazionale per le società e la borsa, Commissione di vigilanza sui fondi pensione) e la finalizzazione delle varie attribuzioni alla più complessiva funzione di garanzia


Cons. Stato Sez. VI, 20/04/2017, n. 1858
Postato da : Redazione, novembre 25, 2017

L’ISVAP – Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e d’interesse collettivo (oggi, IVASS – Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) svolge compiti esclusivi di regolazione e vigilanza sul settore assicurativo, che lo hanno svincolato da ogni forma originaria, e sia pure attenuata, di assoggettamento a poteri governativi o ministeriali di indirizzo, controllo o vigilanza.


Cass. civ. Sez. III Ordinanza, 07/02/2017, n. 3146
Postato da : Redazione, novembre 25, 2017

La procedura di indennizzo diretto prevista dal D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, art. 149 (codice delle assicurazioni private) è ammissibile anche in caso di collisione che abbia riguardato più di due veicoli, con esclusione della sola ipotesi in cui, oltre al veicolo dell’istante e a quello nei cui confronti questi rivolge le proprie pretese,


Cass. civ. Sez. III, 20/10/2016, n. 21254
Postato da : Redazione, novembre 25, 2017

L’introduzione di una autovettura in un’area destinata esclusivamente all’esercizio di uno sport come lo sci, che non si pratica mediante veicoli a motore o comunque mediante veicoli indicati dal Codice della strada come idonei a realizzare una circolazione in una area stradale o ad essa equiparata, non conduce all’applicabilità dell’art. 2054 c.c. e della correlata


Cass. civ. Sez. Unite, 06/05/2016, n. 9140
Postato da : Redazione, novembre 25, 2017

Nel contratto di assicurazione della responsabilità civile la clausola che subordina l’operatività della copertura assicurativa alla circostanza che tanto il fatto illecito quanto la richiesta risarcitoria intervengano entro il periodo di efficacia del contratto, o comunque entro determinati periodi di tempo preventivamente individuati (cd. clausola “claims made” mista o impura), non è vessatoria, ma, in


 codice delle assicurazioni private

codice delle assicurazioni private

Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.