Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home

Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 – Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche

Cliccare sul link ed inserire nella nuova finestra i suindicati dati per ottenere il testo aggiornato

Facoltà di collocamento a riposo d'ufficio nel lavoro pubblico contrattualizzato ex art. 72, c. 11, d.l. 112/2008: i chiarimenti della Suprema Corte
Cass. Civ., sez. lav., 13/06/2018, n. 15526
Postato da : Redazione, giugno 18, 2018

La facoltà di collocamento a riposo d’ufficio nel lavoro pubblico contrattualizzato, prevista dall’art. 72, comma 11, del d.l. n. 112 del 2008, conv. con modif. dalla l. n. 133 del 2008, in ragione del raggiungimento dell’anzianità massima contributiva di quaranta anni richiede una motivazione, ancor più necessaria in difetto di un formale atto organizzativo, che


La Suprema Corte chiarisce quando ricorre il carattere "nazionale" dell'associazione sindacale legittimata all'azione ex art. 28 Stat. Lav.
Cass. Civ., sez. lav., 05/06/2018, n. 14402
Postato da : Redazione, giugno 7, 2018

Nel pubblico impiego contrattualizzato, il carattere “nazionale” dell’associazione sindacale legittimata all’azione ex art. 28 Stat. Lav. non può essere escluso per quelle organizzazioni sindacali cui l’Aran abbia riconosciuto la rappresentatività a livello nazionale ex art. 43, primo comma, d.lgs. n. 165 del 2001.


La Suprema Corte pone un principio di diritto in ordine al rapporto intercorrente fra l'Università e l'ex lettore
Cass. Civ., sez. lav., 25/05/2018, n. 13175
Postato da : Redazione, giugno 2, 2018

Al rapporto intercorrente fra l’Università e l’ex lettore che abbia ottenuto l’accertamento in via giudiziale della sussistenza del rapporto di lavoro a tempo indeterminato si applica l’art. 1 del d.l. n. 2/2004, come autenticamente interpretato dall’art. 26 della legge n. 240 del 2010 ( nella specie intervenuta in pendenza del giudizio di appello), a prescindere


La Suprema Corte ha enunciato tre principi di diritto in materia di sospensione cautelare facoltativa del dipendente a seguito di procedimento disciplinare
Cass. civ., Sez. II, 26/04/2018, n. 10137
Postato da : Redazione, aprile 29, 2018

A) La sospensione cautelare facoltativa disposta ai sensi del d.P.R. n. 3/1957, in quanto misura cautelare e interinale, è per sua natura correlata alla definizione del procedimento disciplinare e diviene priva di titolo qualora all’esito del processo penale, anche se conclusosi con la condanna dell’imputato, il procedimento disciplinare non venga attivato o sfoci nella irrogazione


Tecnologo: devolute alla giurisdizione del giudice ordinario le controversie aventi ad oggetto la contestazione della graduatoria finale delle selezioni per la progressione da un livello di inquadramento a quello immediatamente superiore
Cass. civ., Sez. unite, 11/04/2018, n. 8985
Postato da : Redazione, aprile 13, 2018

In tema di lavoro pubblico contrattualizzato, non rientrano tra le progressioni verticali – le cui controversie sono devolute al giudice amministrativo ex art. 63, comma 4, del d.lgs. n. 165 del 2001 – né le progressioni meramente economiche, né quelle che comportano il conferimento di qualifiche più elevate, ma comprese nella stessa area, categoria o


Lavoro pubblico alle dipendenze di un ente locale: la qualifica dirigenziale non consente di ritenere applicabile l'art. 2103 cod. civ.
Cass. civ. Sez. lav., 09/04/2018, n. 8674
Postato da : Redazione, aprile 13, 2018

Nel lavoro pubblico alle dipendenze di un ente locale, alla qualifica dirigenziale corrisponde soltanto l’attitudine professionale all’assunzione di incarichi dirigenziali di qualunque tipo e non consente, perciò – anche in difetto della espressa previsione di cui all’ art. 19 del d.lgs. n. 165 del 2001, stabilita per le Amministrazioni statali – di ritenere applicabile l’art.


 disciplina lavoro pubblico

disciplina lavoro pubblico

Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.