Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home
Il requisito della autonoma organizzazione non ricorre quando il contribuente si avvalga di un dipendente con mansioni esecutive
Cass. civ. Sez. VI, Ordinanza 08/01/2018, n. 226
Postato da : Redazione, gennaio 10, 2018

Il requisito della autonoma organizzazione non ricorre quando il contribuente responsabile dell’organizzazione impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile all’esercizio dell’attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l’impiego di un dipendente con mansioni esecutive.


La Suprema Corte chiarisce il requisito dell’autonoma organizzazione quale presupposto impositivo dell’Irap
Cass. civ. Sez. VI, Ordinanza, 20/12/2017, n. 30644
Postato da : Redazione, dicembre 28, 2017

Il requisito dell’autonoma organizzazione di cui all’art. 2 del d.lgs. n. 446/1997, quale presupposto impositivo dell’Irap, ricorre quando il contribuente: a) sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; b) impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l’id quod plerumque accidit, il minimo indispensabile


IRAP: quando ricorre il presupposto impositivo?
Cass. civ. Sez. trib. Ordinanza, 06/12/2017, n. 29188
Postato da : Redazione, dicembre 9, 2017

In tema di imposta regionale sulle attività produttive esso non ricorre quando il contribuente è il responsabile dell’organizzazione e impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile all’esercizio dell’attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l’impiego di un dipendente con mansioni esecutive. Il suindicato presupposto, che spetta al giudice di merito valutare, ed


Cass. civ. Sez. VI – 5 Ordinanza, 06/07/2017, n. 16742
Postato da : Redazione, novembre 22, 2017

In materia di IRAP, sussiste il requisito dell’autonoma organizzazione nell’attività svolta dall’agente di commercio che corrisponda quote per collaboratori facenti parte dell’impresa familiare, considerato che integra, quindi, la collaborazione continuativa dei familiari all’attività d’impresa quel quid pluris dotato di attitudine a produrre una ricchezza ulteriore (o valore aggiunto) rispetto a quella conseguibile con il solo


Cass. civ. Sez. V Ordinanza, 05/07/2017, n. 16530
Postato da : Redazione, novembre 22, 2017

In tema di IRAP, a norma del combinato disposto del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, art. 2, comma 1, primo periodo, e art. 3, comma 1, lett. c), l’esercizio delle attività di lavoro autonomo di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 49, comma 1, (nella versione vigente fino al 31 dicembre


Cass. civ. Sez. VI – 5 Ordinanza, 21/06/2017, n. 15453
Postato da : Redazione, novembre 22, 2017

In tema di imposta regionale sulle attività produttive, il presupposto dell’autonoma organizzazione richiesto dal D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 2 non ricorre quando il contribuente responsabile dell’organizzazione impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile all’esercizio dell’attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l’impiego di un dipendente con mansioni esecutive. Tale accertamento,


 i.r.a.p.

i.r.a.p.

Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.