Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home
Procedimento per concordato preventivo con riserva che sia stato riunito al procedimento prefallimentare pendente nei confronti del medesimo proponente: i chiarimenti della Suprema Corte
Cass. Civ., sez. I, 13/06/2018, n. 15435
Postato da : Redazione, giugno 18, 2018

Nel procedimento per concordato preventivo con riserva che sia stato riunito al procedimento prefallimentare pendente nei confronti del medesimo proponente, da un lato, i termini ex art. 161, comma sesto, L. fall. accordati per il deposito della proposta e del piano sono ex lege ridotti al massimo nella misura di centoventi giorni e, dall’altro, non


La Suprema Corte chiarisce che il disposto dell'art. 1, comma 2, lett. a) e b), legge fall. predetermina soglie calibrate su una prospettiva temporale annua di valutazione
Cass. Civ., sez. I, 24/05/2018, n. 12963
Postato da : Redazione, maggio 27, 2018

Il disposto dell’art. 1, comma 2, lett. a) e b), legge fall. predetermina soglie calibrate su una prospettiva temporale annua di valutazione che non possono essere vanificate da un scelta di abbreviazione dell’esercizio compiuta dall’imprenditore; i tre esercizi antecedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento da apprezzare ai fini della verifica dei presupposti di


Liquidazione coatta amministrativa: la Suprema Corte chiarisce i presupposti sostanziali dell’accertamento preventivo e di quello successivo dello stato di insolvenza
Cass. civ., Sez. I, 30/04/2018, n. 10383
Postato da : Redazione, maggio 2, 2018

In tema di liquidazione coatta amministrativa, l’accertamento preventivo e l’accertamento successivo dello stato di insolvenza restano dalle disposizioni della legge fallimentare ancorati ai medesimi presupposti sostanziali; sicché l’accertamento successivo è ammissibile soltanto nei confronti di quegli enti per i quali risulti ammissibile l’accertamento preventivo, anche se in concreto non compiuto, con conseguente esclusione in entrambi


La Suprema Corte chiarisce la portata dell’art. 8, comma 3, d.l. 70/2011, dettato in relazione alle procedure di amministrazione straordinaria aperte in base alla legge 95/1979
Cass. civ. Sez. I, 30/03/2018, n. 7971
Postato da : Redazione, aprile 4, 2018

L’art. 8, comma 3, d.l. 70/2011, dettato in relazione alle procedure di amministrazione straordinaria aperte in base alla legge 95/1979 e già poste in fase liquidatoria ai sensi dell’art. 1, comma 498, legge 296/2006, con evidenti finalità di ulteriore accelerazione nella chiusura di tali procedure, impone un programma operativo ai commissari liquidatori, volto alla verifica


Il decreto con cui il tribunale dichiara l'inammissibilità della proposta di concordato non è soggetto a ricorso per cassazione ex art. 111, comma 7, Cost., non avendo carattere decisorio
Cass. civ. Sez. I, 07/03/2018, n. 5479
Postato da : Redazione, marzo 8, 2018

Il decreto con cui il tribunale dichiara l’inammissibilità della proposta di concordato, ai sensi dell’art. 162, comma 2, l. fall. (eventualmente, anche a seguito della mancata approvazione della proposta, ai sensi dell’art. 179, comma 1) ovvero revoca l’ammissione alla procedura di concordato, ai sensi dell’art. 173, senza emettere consequenziale sentenza dichiarativa del fallimento del debitore,


Omologazione della proposta di concordato preventivo ex art. 180 LF: la Suprema Corte chiarisce le conseguenze dell’esclusione dal diritto di voto di un creditore
Cass. civ. Sez. I, 21/02/2018, n. 4192
Postato da : Redazione, febbraio 24, 2018

In tema di omologazione della proposta di concordato preventivo ex art. 180 LF, l’esclusione dal diritto di voto di un creditore (nella specie, perché titolare di un credito che era contestato ma che si riveli essere stato fondatamente fatto valere) non comporta di per sé stessa l’invalidità della deliberazione di approvazione della proposta adottata senza


 legge fallimentare

legge fallimentare

Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.