Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home
Cass. pen. Sez. I, 26/10/2017, n. 49242
Postato da : Redazione, dicembre 8, 2017

In sede di apprezzamento della domanda di revoca o di ineseguibilità in via anticipata della misura di sicurezza dell’espulsione, il Magistrato e il Tribunale di Sorveglianza sono tenuti ad esaminare i profili in fatto e in diritto introdotti dalla parte, risolvendo, ove necessario, ed in via incidentale ogni questione in tema di sussistenza dei presupposti


Cass. pen. Sez. III, 14/02/2017, n. 6871
Postato da : Redazione, dicembre 8, 2017

La non punibilità dell’acquisto e della detenzione di sostanze stupefacenti destinate all’uso personale che avvengano sin dall’inizio per conto e nell’interesse anche di soggetti diversi dall’agente, è subordinata alla circostanza che sia certa fin dall’inizio l’identità dei medesimi nonchè manifesta la loro volontà di procurarsi le sostanze destinate al proprio consumo. Deve perciò essere esclusa


Cass. pen. Sez. VI, 20/10/2016, n. 46627
Postato da : Redazione, novembre 24, 2017

Il connotato dell’occasionalità non costituisce indice indefettibile di minima offensività della condotta, essendo quest’ultima compatibile con la ripetizione nel tempo. D’altro canto, la riconducibilità di reati in materia di stupefacenti che si svolgano “su strada” all’ipotesi del fatto di lieve entità non implica affatto una riposta dell’ordinamento in termini necessariamente irrisori, ove si consideri la


Cass. pen. Sez. II, 10/02/2016, n. 10468
Postato da : Redazione, novembre 24, 2017

L’associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti sussiste anche quando sia rilevabile un vincolo durevole che accomuna il fornitore di droga e gli spacciatori acquirenti che in via continuativa la ricevono per immetterla nel mercato del consumo, non essendo di ostacolo alla costituzione del vincolo associativo e alla realizzazione del fine comune nè


Cass. pen. Sez. VI, 09/02/2016, n. 5254
Postato da : Redazione, novembre 24, 2017

E’ indubbio che il reato di coltivazione venga ritenuto sostanzialmente diverso da quello di mera detenzione dello stupefacente sia nella giurisprudenza costituzionale che nella giurisprudenza di questa Corte: la “coltivazione” non può essere direttamente ricollegata all’uso personale ed è punita di per sè in ragione del carattere di aumento della disponibilità e della possibilità di


Cass. pen. Sez. III, 10/03/2015, n. 15247
Postato da : Redazione, novembre 24, 2017

L’aumento di pena irrogato a titolo di continuazione per i delitti previsti dal D.P.R. n. 309 del 1990, art. 73, in relazione alle “droghe leggere”, quando gli stessi costituiscono reati- satellite, deve essere oggetto di specifica rivalutazione alla luce della più favorevole cornice edittale applicabile per tali violazioni in conseguenza della reviviscenza della precedente disciplina


 testo unico stupefacenti

testo unico stupefacenti

Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.