Rassegna Sentenze
Massimario Giurisprudenza
Home

Category Archives: Responsabilità medica

La violazione del diritto di determinarsi liberamente nella scelta dei propri percorsi esistenziali in una condizione di vita affetta da patologie ad esito certamente infausto coincide nella lesione di un bene già di per sè autonomamente apprezzabile sul piano sostanziale

Cassazione Civile, Sez. III, Ord., 23-03-2018, n. 7260

Postato da : Redazione, aprile 2, 2018

La violazione del diritto di determinarsi liberamente nella scelta dei propri percorsi esistenziali in una condizione di vita affetta da patologie ad esito certamente infausto, non coincide con la perdita di chances connesse allo svolgimento di singole specifiche scelte di vita non potute compiere, ma nella lesione di un bene già di per sè autonomamente


Secondo comma dell'art. 590 sexies cod. pen.: quando sussiste la causa di non punibilità?

Cassazione Penale, Sez. IV, Sent.,31-10-2017, n. 50078

Postato da : Redazione, novembre 21, 2017

L’art. 590-sexies cod. pen., comma 2, articolo introdotto dalla L. 8 marzo 2017, n. 24 (c.d. legge Gelli-Bianco), prevede una causa di non punibilità dell’esercente la professione sanitaria operante, ricorrendo le condizioni previste dalla disposizione normativa (rispetto delle linee guida o, in mancanza, delle buone pratiche clinico-assistenziali, adeguate alla specificità del caso), nel solo caso


Responsabilità penale in ambito sanitario: applicazione del nuovo art. 590 sexies cod. pen.

Cassazione Penale, Sez. IV, Sent., 07-06-2017, n. 28187

Postato da : Redazione, novembre 21, 2017

Il nuovo quadro disciplinare dettato dall’art.590–sexies cod. pen. non trova applicazione: a) negli ambiti che, per qualunque ragione, non siano governati da linee guida; b) nelle situazioni concrete in cui tali raccomandazioni debbano essere radicalmente disattese per via delle peculiarità della condizione del paziente o per qualunque altra ragione imposta da esigenze scientificamente qualificate; c)


Intervento operatorio inutile: quali conseguenze?

Cassazione civ., sez. III, Sent., 19.05.2017, n. 12597

Postato da : Redazione, novembre 12, 2017

In tema di responsabilità sanitaria, qualora un intervento operatorio, sebbene eseguito in modo conforme alla lexartis e non determinativo di un peggioramento della condizione patologica che doveva rimuovere, risulti, all’esito degli accertamenti tecnici effettuati, del tutto inutile, ove tale inutilità sia stata conseguente all’omissione da parte della struttura sanitaria dell’esecuzione dei trattamenti preparatori a quella


Responsabilità medica da nascita indesiderata: che cosa deve provare il genitore?

Cassazione civ., sez. III, Sent., 11.04.2017, n. 9251

Postato da : Redazione, novembre 12, 2017

In tema di responsabilità medica da nascita indesiderata, il genitore che agisce per il risarcimento del danno ha l’onere di provare che la madre avrebbe esercitato la facoltà d’interrompere la gravidanza – ricorrendone le condizioni di legge – ove fosse stata tempestivamente informata dell’anomalia fetale; quest’onere può essere assolto tramite praesumptiohominis, in base a inferenze


Aborto: mancato esercizio del diritto di interruzione gravidanza. Responsabilità del medico

Cassazione civile,  sez. III, 22 marzo 2013, n. 7269

Postato da : Redazione, novembre 12, 2013

Nella causa tra la donna che chiede il risarcimento dei danni derivatile dal non aver potuto esercitare il suo diritto ed il medico che sostiene non essere stato il danno effetto del proprio inadempimento perchè la donna non avrebbe comunque potuto o voluto interrompere la gravidanza, alla donna spetta dimostrare i fatti costitutivi della pretesa


Responsabilità professionale: dolo e colpa grave attengono solo alla perizia

Cassazione civile, sez. III, 12.03.2013, n. 6093

Postato da : Redazione, novembre 12, 2013

La limitazione di responsabilità professionale del medico-chirurgo ai soli casi di dolo o colpa grave, ai sensi dell’art. 2236 c.c., attiene esclusivamente alla perizia, per la soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà, con esclusione dell’imprudenza e della negligenza. Infatti, anche nei casi di speciale difficoltà, tale limitazione non sussiste con riferimento ai danni causati


Paziente danneggiato e medico: ripartizione dell'onere della prova

Cassazione Civile, sez. III, 26.02.2013, n. 4792

Postato da : Redazione, novembre 12, 2013

L’attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) ed allegare l’insorgenza (o l’aggravamento) della patologia e l’inadempimento qualificato del debitore, quale inadempimento astrattamente idoneo a provocare (quale causa o concausa efficiente) il danno lamentato, rimanendo a carico del debitore dimostrare, o che tale inadempimento non vi è stato, ovvero


La prova della colpa lieve non esime dalla responsabilità civile

Cassazione civile, sez. III, 19.02.2013, n. 4030

Postato da : Redazione, novembre 12, 2013

La prova della colpa lieve non esime dalla responsabilità civile, che considera la colpa in una dimensione lata, inclusiva del dolo e della diligenza professionale, e nel caso di specie i medici e la struttura non hanno dato la prova esimente della complicanza non prevedibile o non prevenibile, prova che incombe alla parte che assume


Inadempimento del medico al dovere di cura in una situazione di emergenza

Cassazione civile,  sez. III, 19 febbraio 2013, n. 4029

Postato da : Redazione, novembre 12, 2013

Sotto il profilo causale, l’inadempimento del medico al dovere di cura e di compartecipazione in una situazione di emergenza, non è occasione di sventura, ma concausa, e se tale concausa ha natura omissiva, è tuttavia fattore determinante di un intervento chirurgico che avviene presso una struttura inidonea al punto che un intervento conservativo si trasforma


Cerca

Proprietà intellettuale

Ogni diritto sui contenuti (a titolo esemplificativo testi e architettura del sito) è riservato ai sensi della normativa vigente.

I contenuti delle pagine del sito non possono, nè totalmente nè in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso scritto della Redazione, fatta salva la possibilità di immagazzinarli nel proprio computer o di stampare estratti delle pagine di questo sito unicamente per utilizzo personale.

Qualsiasi forma di link al presente sito se inserita da soggetti terzi non deve recare danno all'immagine e alle attività della Redazione.

E' vietato il cd. deeplinking ossia l'utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

L'eventuale inosservanza delle presenti disposizioni, salvo esplicita autorizzazione scritta, sarà perseguita nelle competenti sedi giudiziarie civili e penali.